Cosmogonia Linux!

UNA COMMISSIONE ANTIMAFIA PERFETTAMENTE BIPARTISAN

Vogliamo le Tecnologie Libere nella Società? Vogliamo il Software Libero nelle scuole? Vogliamo un ambiente sano ed ecologicamente compatibile? Vogliamo un Nuovo Mondo?

Chiedetelo a uno di loro. Sicuramente vi accontenterà!

articolo tratto da radiochango

scritto da Benny Calasanzio il 28.11.2006

I blog sono pieni di post e di commenti che riguardano la nuova Commissione Antimafia costituita di recente. Tutto lo scandalo nasce dal fatto che a far parte di un organo di monitoraggio e studio del fenomeno criminale ci sono due personaggi condannati per corruzione con sentenza passato in giudicato, un inquisito e un ex galeotto. Se fosse una figura retorica si chiamerebbe ossimoro. Ma siccome non lo è possiamo chiamarla anche vergogna. I due eroi condannati, che chiamerò con numero, un po’ come i carcerati onesti, sono: 1 Pomicino Cirino Paolo (1 anno e 8 mesi per finanziamento illecito tangente Enimont, 2 mesi patteggiati per corruzione per fondi neri Eni); 2 Vito Alfredo (2 anni patteggiati e 5 miliardi di lire restituiti per 22 episodi di corruzione a Napoli). I due aspiranti supereroi sono: 2 Vizzini Carlo , coinvolto in Mani Pulite e patteggiato; 3 Gentile Antonio (arrestato nel 1987 per la mala gestione della Carical (3500 miliardi di buco, poi il processo finì nel nulla). Quando è stato reso pubblico tutto questo la prima giustificazione dei compagni al governo è stata “Non sono stati indicati da noi ma dalla CDL”. Troppo facile… Facciamo un passo indietro. Un giorno l’On. Licandro del PDCI si sveglia e pensa: “Cavolo, bisognerebbe impedire che in commissione antimafia entrino condannati e indagati per mafia…” Giusto. Sarebbe come escludere i pedofili dalla Commissione Infanzia, è naturale, non c’è bisogno neanche di parlarne. Allora Licandro corre in parlamento e propone questo emendamento. Si vota ed ecco cosa viene fuori:“I parlamentari indagati per mafia o per reati contro la Pubblica Amministrazione potranno continuare a far parte della commissione Antimafia. La Camera ha respinto l’emendamento, presentato da Licandro (Pdci), che dava la possibilità ai presidenti delle Camere di escludere dall’organismo tutti i deputati e senatori ‘sottoposti a procedimenti giudiziari’ per reati di mafia e contro la Pubblica Amministrazione.” Gli unici che hanno votato si all’emendamento sono stati 21 : 14 del PDCI: Bellillo, Cancrini, Cesini, Crapolicchio, De Angelis, Licandro, Napoletano, Paglierini, Pignataro Ferdinando, Sgobio, Soffritti, Tranfaglia, Vacca,Venier; 1di An: Napoli Angela; 1di Forza Italia: Fasolino; 1 di Dc-Psi: Nardi; 2 de L’ulivo: Lomaglio, Samperi;1 dell’ Idv: Astore

1 del Movimento Per L’autonomia: Lo Monte. A tutti gli altri onorevoli sarebbe andato bene che un condannato per mafia sedesse accanto a loro in commissione. Ricapitoliamo: è vero che i due condannati in commissione, l’arrestato e l’inquisito sono della CDL, ma sono al loro posto anche grazie alla sinistra. E’ bene ricordarle certe cose. Allora mi siedo e aspetto con calma che Francesco Forgione, deputato di Rifondazione e personaggio da sempre schierato in prima linea contro la mafia dica qualcosa, protesti, si dimetta. E infatti arrivano le sue parole: “Inquisiti? Si ma eletti. E’ sempre stato così anche in passato”. Ma cosa sta succedendo? Qualche anno prima va in parlamento siciliano ad annichilire Cuffaro e a chiedergli di andarsene e adesso parla come uno di Forza Italia?
Facciamo un ultimo breve passo indietro. In effetti da sempre in commissione Antimafia siedono personaggi con i quali io non prenderei nemmeno l’autobus, altro che discutere di legalità. Anni 1992-94 Vincenzo Scotti (DC) e Vincenzo Sorice (DC). Anni 1996-2001 Bonaventura Lamacchia (Rinn. It) Giuseppe Firrarello (CDU). Anni 2001-06 Benito Nocco (Forza Italia) Antonio Gentile (Forza Italia) Carlo Vizzini (Forza Italia). Gentile e Vizzini sono alla seconda esperienza, ormai sono affezionati, e quasi quasi se fanno anche una terza commissione diventano onesti. E’ possibile che la commissione antimafia sia un centro di recupero? Io non ho nulla da dire sull’On.Forgione, anzi, è uno dei pochi sui quali non ho nulla da dire. Ma perchè avalla una scelta sbagliata frutto di compromessi?

www.bennycalasanzio.blogspot.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.